Ricorso Foggia, alle ore 14 l’udienza al Collegio di Garanzia: trema la Salernitana

10.59 – Secondo quanto riporta la testata tuttosalernitana.com, l’avvocato Gianmichele Gentile ha costituito il club granata come parte civile nel processo che si celebrerà questo pomeriggio dinanzi al Collegio di Garanzia del Coni: il legale, prosegue il portale, ha approntato una memoria difensiva che  smonterebbe la tesi del Foggia.

Fissata per oggi l’udienza dinanzi al Collegio di Garanzia del Coni per discutere il ricorso presentato dal Foggia Calcio avverso il provvedimento del giudice di primo grado, che aveva comminato al club pugliese la penalizzazione di sei punti di penalizzazione.
In virtù della predetta disposizione, il club rossonero è retrocesso in Lega Pro: ai satanelli è bastato un punto di distacco sulla Salernitana per essere condannati.

Ricorso Foggia, le richieste del club rossonero

Al Collegio di Garanzia del Coni il Foggia chiede la rideterminazione della sanzione: l’udienza è fissata nella giornata di oggi, a partire dalle ore 14.00.
Nel ricorso introduttivo il club pugliese chiede che la sanzione venga determinata secondo criteri di giustizia.
La classifica di Serie B potrebbe dunque subire un’ulteriore modificazione a campionato ormai concluso, con la prassi dei ricorsi che sta diventando ben consolidata da un anno a questa parte.
Trema la Salernitana, che nel frattempo si è costituita parte civile nel ricorso inoltrato dal club rossonero: basterebbe solo un punto per consentire agli uomini di Grassadonia di strappare un’insperata salvezza. I granata non ci stanno e combatteranno fino alla fine, qualora il Collegio di Garanzia del Coni questo pomeriggio dovesse accogliere l’istanza così come presentata.
Evidentemente la vertenza non è destinata a concludersi nella giornata odierna: infatti non è escluso la proposizione di un appello in caso di rigetto della domanda.

Nel frattempo è ancora in corso la partita tra il Palermo e la Lega B, con la Corte Federale d’Appello che ieri ha rigettato il ricorso del club rosanero.
L’udienza che esaminerà nel merito la controversia è fissata per giovedì 23: non è escluso un possibile capovolgimento di fronte da parte dell’organo giudicante. Così come non è escluso un ricorso d’urgenza al Tar del Lazio avverso la disposizione che ha negato l’adozione del provvedimento cautelare nei confronti del club rosanero.


news.superscommesse.it

Commenti