I Leccesi recuperano sul 2 a 0: finisce in pareggio tra Foggia e Lecce

Si attendeva con trepidazione questo derby. Ci si voleva riscattare dalla brutta sconfitta di Cosenza, ma il Foggia sul 2 a 0 perde la concentrazione e si fa rimontare di 2 goal. Finisce 2 a 2 allo Zac tra Foggia e Lecce. Queste le formazioni ufficiali:

 

FOGGIA (3-5-2)

Bizzarri, Ranieri (67′ Loiacono), Agnelli (63′ Busellato), Tonucci (77′ Boldor), Carraro, Deli, Kragl, Martinelli, Galano, Mazzeo, Gerbo.

 

LECCE (4-3-1-2)

Vigorito, Petriccione, Arrigoni, Mancosu, Lepore (78′ Venuti), Marino, Meccariello, Pettinari, La Mantia (84′ Tabanelli), Calderoni, Scavone (67′ Palombi).

La partita si apre e le squadre si compensano e si assiste a troppi errori in campo da entrambe le parti. Il primo goal dei rossoneri arriva al 44’: Gerbo ruba palla e scambia con Deli, il quale risolve dal limite, palo interno e poi in rete alle spalle di Vigorito! Tutto lo Zaccheria, gremito di tifosi, erompe in festeggiamenti. Il primo tempo termina senza recupero extra. 

Il match ricomincia con il Foggia che batte il calcio d’inizio. Al 52’ raddoppio dei padroni di casa! Tonucci riceve palla sui venti metri e decide di provare il tiro: il missile attraversa il campo e finisce in rete! 2 a 0 per il Foggia.

Da questo momento in poi i rossoneri perdono la concentrazione. Dopo soltanto due minuti il Lecce accorcia le distanze con Mancosu che la insacca da calcio piazzato. Al 59’ viene annullata la rete di Galano per fuorigioco. Proteste dal pubblico.

Tra gli applausi esce Cristian Agnelli; al suo posto entra Busellato che verrà ammonito un minuto dopo. Grassadonia è costretto ad un altro cambio: Ranieri lascia il campo dolorante per i crampi, entra Loiacono. Troppi errori per il Foggia. Palle perse e passaggi sbagliati costano caro: al 74’ raddoppia il Lecce. La Mantia la insacca, complice anche una deviazione avversaria. 2 a 2 allo Zaccheria. Grassadonia a questo punto innesta Boldor per Tonucci ma ormai i giochi sembrano fatti e il Foggia non reagisce, anzi, si assiste ad un’altra pericolosa azione del Lecce simile a quella del goal subito ma stavolta Bizzarri fa il miracolo. Si giocano 4 minuti di recupero prima del triplice fischio. Ci prova per l’ultima volta Kragl da punizione ma Vigorito blocca la conclusione troppo centrale. Il match si chiude tra la delusione e i fischi dei tifosi. Il Foggia conquista un solo punto e si ritrova all’ultimo posto al pari di Carpi e Livorno.


Simo San - I Satanelli

Commenti