Disgrazia allo Scida. Crotone-Foggia 4-1

Commento personale e piccolo riepilogo

Speriamo sia solo uno di quegli incidenti di percorso che fanno bene, che rendono la squadra più forte di prima. I rossoneri hanno avuto una grande difficoltà a tener testa ai calabresi dell’ex Stroppa nel match tenutosi ieri allo Scida e conclusosi 4 a 1 per il Crotone.

Il primo tempo si conclude con una rete a favore della squadra di casa; altri 3 goal nel corso del secondo tempo per il Crotone, mentre per il Foggia un solo goal di consolazione sul recupero, rigore firmato da Mazzeo.

Una sconfitta che brucia l’animo e il cuore dei tifosi ma che non può e non deve scoraggiare, perché al di là della sconfitta in sé non dimentichiamo che il Foggia è una squadra nuova e che, come tale, deve ancora conoscersi: la vittoria sul Carpi aveva, diciamocelo, illuso un po' camuffando quelli che in realtà erano le mancanze che la squadra deve ancora riempire. Secondo punto: è vero che la squadra poteva trarre in vantaggio il fatto di conoscere il suo ex allenatore ma questo è vero tanto quanto l’inverso… ovvero Stroppa ha potuto trarre in vantaggio il fatto di conoscere la sua ex-squadra con i suoi pregi e i suoi difetti. Ricordiamoci infine che il Crotone è una squadra di qualità, appena scesa dalla serie A e sicuramente di livello superiore rispetto al Carpi, con giocatori come Marco Firenze che mister Grassadonia (che peraltro ha assistito al match dalle gradinate) avrebbe tanto voluto. Non buttiamoci giù, siamo ancora alla seconda partita e il viaggio è ancora lungo.

 

CROTONE (3-5-2) Cordaz; Cuomo, Sampirisi, Marchizza ; Faraoni, Rohden, Benali, Firenze, Martella, (33’st Molina); Budimir (25’st Simy ) Nalini (38’st Stoian).

A disposizione: Festa, Figliuzzi, Curado, Crociata, Zanellato, Valietti, Spinelli. All. Stroppa

FOGGIA (3-5-2) Bizzarri; Tonucci (31’st Ranieri) Camporese, Martinelli; Loiacono (8’st Gori) Agnelli, Carraro, Cicerelli (42’st Gerbo) Kragl; Chiaretti, Mazzeo.

A disposizione: Noppert, Sarri, Cavallini, Rubin, Boldor, Arena, Ramè. All. Grassadonia squalificato

 

Primo tempo: la gara è partita alquanto aggressiva, tra il primo tentativo di Firenze e la caduta di Nalini in area di rigore. Tonucci, nervoso per tutta la partita, primo ammonito prima dello scoccare del primo quarto d’ora di gioco per gioco scorretto. Ci prova Mazzeo al 20’ ma Cordaz respinge la conclusione. Al 31’ arriva il goal del Crotone con Faraoni. La squadra di Stroppa è in vantaggio per 1-0 sul Foggia. Prima del finire del primo tempo ci provano Mazzeo -colpo di testa- su cross del dinamico Cicerelli e ancora Cicerelli prima in rovesciata poi con tiro cross direttamente sul fondo.

Secondo tempo: il Crotone gioca la partita e in cinque minuti arriva il secondo goal con Firenze al 49’; pochi minuti e i calabresi calano il tris dalla distanza con Nalini. Al 57’ il gioco si interrompe a causa di alcuni fari che si spengono fino al minuto 63. Il Foggia non ce la fa: il Crotone fa il poker di goal e Rohden regala il 4 a 1 al 65’.  Pochissime le occasioni dei rossoneri: Chiaretti ci prova dalla distanza ma la palla vola sopra la traversa. Saranno ben nove i minuti di recupero. Al 93’ Chiaretti cade in area per danno di Faraoni. Minelli concede calcio di rigore. Mazzeo segna la rete del 4-1.


I Satanelli

Commenti